NEWSLETTER
Per fare affari sul web
clicca qui é gratis!!

ricerca
+Segnala sito nel nostro motore di ricerca    +Modifica sito
LAVORO E CORSI

Agenti e rappresentanze

Cerca lavoro

Giornali di annunci

Informazioni varie

Lavorare nello spettacolo

Lavoro estero

Lavoro interinale

Lavoro online

Selezione e formazione

HOME >> LAVORO E CORSI

Lavoro a progetto:il contratto CONTRATTI&LAVORO
Lavoro a progetto:il contratto "tipo" del futuro
Con la riforma Biagi sparisce la figura del Co.co.co. e viene introdotto il "contratto a progetto". E' importante che gli imprenditori siano al corrente della nuova normativa per evitare problemi legali: ma la materia é più articolata e complessa di quanto si potrebbe credere...

Link sponsorizzati

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 31 luglio lo Schema di Decreto legislativo della L. 30/2003: meglio nota come Legge Biagi, questo provvedimento é destinato a ridisegnare la disciplina dei contratti di lavoro individuale ed è particolarmente noto perché mette mano alle collaborazioni coordinate e continuative (i cosiddetti contratti "co.co.co") che sono state per anni un diffusissimo e ambiguo strumento di gestione delle risorse umane, reso ancor meno trasparente dall'assenza di una dettagliata previsione normativa.
Attraverso il co.co.co. si instaurava con il collaboratore un rapporto a metà tra lavoro autonomo e lavoro subordinato che consentiva ai datori di lavoro di evitare oneri e obblighi propri del rapporto di lavoro pienamente subordinato: tra questi la tutela delle condizioni di lavoro, il compenso previsto per il lavoro straordinario e gli oneri previdenziali.
Per porre fine ad una situazione ibrida e confusa è stata regolamentata la figura del collaboratore di lavoro, fino ad oggi priva di disciplina normativa, stabilendone diritti e limiti di applicazione.
Sono gli articoli compresi tra il 61 e il 69 a disciplinare il contratto di "lavoro a progetto" che deve caratterizzarsi tra l'altro per:

  • il contenuto prevalentemente personale della prestazione

  • l'assenza di un vincolo di subordinazione

  • la determinazione di un progetto specifico (o programma di lavoro o fase di esso) stabilito dal committente

  • Questo tipo di contratto di lavoro deve rispondere a numerose caratteristiche: deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere l'indicazione della durata della prestazione di lavoro. A questo si aggiunge l'indicazione specifica del progetto di lavoro, o fasi di esso; la retribuzione convenuta e i criteri per la sua determinazione, nonché i tempi e le modalità di pagamento e la disciplina dei rimborsi spese; le eventuali misure per la tutela della salute e sicurezza del collaboratore. Ma numerosi altri criteri, che spesso cadono nello specifico, devono essere rispettati per stabilire un rapporto di lavoro "a norma": dalla proporzionalità del compenso ai casi e modalità di recesso dal contratto per entrambe le parti.
    E' bene informarsi sulla legge e farlo in modo accurato: le decisioni del Governo non fanno che riflettere le spinte del mercato verso una maggiore liberalizzazione anche nell'impiego delle risorse umane per cui è facilmente prevedibile che il nuovo modello di contratto sarà di riferimento per il prossimo futuro. Infatti quest'ultimo, pur prevedendo una serie di garanzie a tutela del collaboratore sconosciute nei vecchi co.co.co, privilegia soprattutto le nuove esigenze delle imprese rendendo sempre meno significativo il ricorso a contratti di lavoro pienamente subordinato e favorendo la massima flessibilità nell'utilizzo delle risorse umane.

    Contratto a progetto: domande e risposte ai vostri quesiti>>

    Link sponsorizzati

    Copyright © 2008-2015 Vietato riprodurre i contenuti senza autorizzazione. | Chi siamo | Assistenza | Disclaimer | Informazioni sulla privacy | Dati societari art. 42 Legge 88/2009